lunedì, maggio 21, 2007

Insonnia

Ore 3.00. Non riesco a dormire. Accendo la luce. E me la immagino vista dall’alto, questa minuscola luce: come una minuscola stellina che nasce così, all’improvviso, nel firmamento fatto di milioni di altre luci e chiamato Guangzhou.
La vita non è vita a Guangzhou. Qui la vita equivale a business, lavoro, soldi. Non c’è meta che non sia il danaro, non c’è discorso senza il termine business, non si è persona senza titolo o carica, non ci sono molte tracce di umanità nell’interagire con la gente. Lo svago in questa città è ridotto a sballo da finesettimana, sballo veloce e chimico come anestesia alla mancanza di calore. Umano. Sballo volgare e fine a se stesso.
A Guangzhou si viene a fare i soldi. Non di certo per stare bene. E questo incomincia ad intaccare il mio perenne buonumore, la mia serenità. Devo fare qualcosa. Trovare isole felici in mezzo a questo mare di merda. E le prossime settimane saranno incentrate su questo. A presto aggiornamenti sul caso.
Ore 4.00. Spengo la luce e la mia stella scompare dal firmamento Guangzhou come se non volesse farne piu’ parte, per dissentire, per estraniarsi da un mondo che non è il suo.

2 commenti:

urs ha detto...

Cazzo, des isch Philosophie!!!

Gayan Balasooriya ha detto...

Please visit my blog --gayanOnLine-- also.Thank You.